Tipologie di gomme

La gomma

La gomma è un materiale del tutto particolare.
La sua caratteristica principale è il ritorno elastico, ovvero l’elasticità.

Lastre in gomma

Trovano impiego nel settore industriale sia per produzione di guarnizioni e supporti che per rivestimenti protettivi da agenti chimici e abrasione.

Gomma naturale

Resistenza al calore: 80/90°C. Con l’azione prolungata di temperature elevate la gomma naturale, dopo un temporaneo indurimento può rammollirsi.

Le lastre più comuni

Lastre gomma telata Adatte per usi correnti senza specifiche caratteristiche di resistenza al calore, ad agenti chimici o atmosferici.

Gomma SBR

Con cariche rinforzanti i vulcanizzanti di SBR presentano quasi le stesse caratteristiche meccaniche della gomma naturale.

Gomma EPDM

Le caratteristiche del vulcanizzato dipendono in primo luogo dal tipo di gomma impiegato anche se sostanzialmente molto simili. 

Gomma NBR

Le caratteristiche dei vulcanizzati di NBR dipendono innanzitutto dal contenuto di acrilonitrile della gomma nitrilica utilizzata e dal tipo e dalla quantità di plastificante.

Gomma CR

Gli articoli prodotti con gomma cloroprene presentano in generale elevata ininfiammabilità, buona resistenza a ozono, intemperie, agenti chimici e invecchiamento.

Gomma FPM

Gli elastomeri fluorurati sono ininfiammabili e hanno notevole resistenza alle alte temperature, all’ozono, all’ossigeno, agli olii minerali, ai liquidi idraulici sintetici.

Gomme
silicone
(VMQ)

Gomme silicone (VMQ)

Le gomme siliconiche hanno natura diversa da quella di tutti gli altri elastomeri, si distinguono in quanto non sono composti organici puri.

VAMAC® di DuPont™
o mescola
AEM

VAMAC® di DuPont™ o mescola AEM

Vamac® indicato comunemente con la sigla AEM o EAM a seconda che si usi una terminologia europea o americana, sta ad indicare un tipo di gomma Etilene-Acrilato.

HYPALON® (CSM) Polietilene-Clorosolfonato

L’Hypalon deriva dalla clorosolfonazione del polietilene. Il polietilene cristallino è reso amorfo attraverso l’introduzione di cloro in quantità variabili dal 25% al 45%.

Cerchiamo di spiegare nei dettagli certi argomenti.
Visita spesso il sito per scoprire le novità!